Da quando ho provato l’emozione di preparare marmellate e confetture con le mie mani, ogni volta che trovo della frutta di stagione non perdo tempo e corro a prepararla.

Questa volta è toccato alle albicocche: erano del colore del sole al tramonto, arancioni con sfumature di rosso, mature ma ancora sode e profumatissime.

A casa mia la produzione di marmellate era un appuntamento estivo fisso. Mia nonna era lì, alla luce della cappa, a controllare pentoloni giganteschi in cui ribolliva zucchero e frutta di ogni genere.

Erano altri tempi e le marmellate avevano tutte lo stesso colore scuro, quello dello zucchero caramellato, ed un sapore piatto. Erano, però, le marmellate di mia nonna e le emozioni e i ricordi, si sa, rendono tutto più buono.

Da quando ho avuto la fortuna di collaborare con Stefan Krueger, ho scoperto che le marmellate possono essere belle da vedere, oltre che buone.

Stefan mi ha insegnato a prepararle con il metodo di Christine Ferber, una pasticcera specializzata che prepara spettacolari confetture e marmellate a Niedermorschwihr, un piccolo paesino immerso nel cuore dell’Alsazia.

La Ferber prepara confetture e marmellate (a proposito, conosci la differenza tra le due?) anche per Pierre Hermé, uno degli dei della pasticceria mondiale e Stefan ha imparato direttamente da lei quest’arte.

E io da lui, quindi, secondo la teoria dei sei gradi di separazione, ci sono solo due persone tra me e Pierre Hermé! 😉

Da Stefan ho imparato a preparare diversi tipi di marmellate e confetture, ma la mia preferita rimane quella alle albicocche e vaniglia: l’aspro delle albicocca si sposa perfettamente con il dolce aroma della vaniglia, in un profumo unico, esaltato ancora di più se spalmata su una fetta di pane tostato ed imburrato.

Confettura di albicocche e vaniglia

Una confettura di albicocche e vaniglia preparata con il metodo Ferber. Come preparare una marmellata chiara e profumata? Leggilo nell'articolo.

Preparazione 30 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 1 ora
Porzioni 6 barattoli

Ingredienti

  • 1,2 kg albicocche mature ma sode
  • 800 g zucchero semolato
  • 2 bacche vaniglia
  • 1 limone il succo

Istruzioni

Giorno 1

  1. Lava ed asciuga con un panno le albicocche.

  2. Togli il nocciolo e taglia a pezzettini le albicocche.

  3. Metti le albicocche a pezzetti in una ciotola con lo zucchero, le bacche di vaniglia incise lungo la lunghezza e il succo di un limone.

  4. Lascia macerare in frigo per un'ora, coperto da un foglio di carta da forno.

  5. Trascorsa l'ora, versa le albicocche macerate in una pentola e portalo quasi ad ebollizione (non deve bollire).

    Arrivati quasi al bollore, spegni il fuoco e versa la confettura in una ciotola, copri con carta da forno a contatto con la frutta e lasciala riposare in frigo per una notte.

Giorno 2

  1. Prendi la confettura e separa le albicocche dal succo di macerazione, aiutandoti con un colino.

  2. Porta a bollore il succo e cuoci fino a 105°C. 

    Se si forma della schiuma, eliminala con una schiumarola.

  3. Sterilizza i barattoli in forno a 130°C per 30 minuti.



  4. Arrivati a 105°C versa i pezzi di albicocca e cuoci per altri dieci minuti. 


  5. Invasa immediatamente, chiudi con il tappo e lascia raffreddare la confettura capovolta. 

HAI PROVATO QUESTA RICETTA?

Dimmi cosa ne pensi! Lascia un commento qui sotto e condividi una foto su Instagram con l’hashtag #mentecontorta_bl