A Napoli i roccocò sono un must natalizio. Non credo che esista un napoletano che non li abbia in casa in questo periodo, sarebbe ricusato dall’intera famiglia! 

roccoco_up

Esistono sia duri che morbidi, credo la scelta sia soggettiva, ma io preferisco quelli duri, da pucciare nel tè (o nei liquori vari , ma io non bevo, quindi, tè a go go!) Il Natale è il periodo dell’anno che mi preferisco: i profumi, i colori, le atmosfere mi riportano a un periodo davvero molto bello della mia vita, quando c’erano molti pensieri soffocati da una felicità genuina.

Il regalo che ricordo più lucidamente era una scatola di plastilina accompagnata da formine di hamburger, panini, patatine, bibite e altre che ho rimosso! Sarà scoccata allora la scintilla per la cucina? Può darsi!

E come in ogni famiglia napoletana, tutto il periodo natalizio era incorniciato da dolci di ogni specie. Dai roccocò ai mustaccioli, dagli struffoli alle cassate, panettoni e pandoro (quest’ultimo sempre accompagnato da un generoso strato di Nutella).

La tradizione dei roccocò si fa risalire al 1320, anno in cui furono preparati per la prima volta dalle monache del Real Convento della Maddalena a Napoli nella prima domenica d’Avvento e il nome deriva dal francese rocaille per via della forma barocca e tondeggiante.

Sono dei dolci molto semplici e profumati grazie al pisto, un mix di spezie che lo arricchisce in sapore e profumo. Magari in certe regioni non si trova facilmente, quindi ti lascio la ricetta per produrlo da te 😉

 

roccocò1

Roccocò napoletani

A Napoli i roccocò sono un must natalizio. Sono dei biscotti duri e molto semplici e profumati grazie al pisto, un mix di spezie che lo arricchisce in sapore e profumo. Eccoti la ricetta!

Preparazione 20 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 50 minuti
Porzioni 20 biscotti

Ingredienti

  • 500 g zucchero semolato
  • 500 g farina 00
  • 300 g mandorle grezze (non pelate)
  • 50 ml arancia succo
  • 150 ml acqua
  • 12 g pisto
  • 2 g ammoniaca per dolci
  • 100 g canditi
  • 1 arancia buccia grattugiata
  • 1 tuorlo
  • 1 cucchiaio latte
  • q.b. burro

Per il pisto

  • 125 g pepe bianco macinato
  • 35 g noce moscata macinata
  • 10 g cannella in polvere
  • 5 g chiodi di garofano macinati

Istruzioni

  1. Tosta le mandorle 5 minuti in forno a 180°C. Tritane la metà. Impasta lo zucchero, la farina, le mandorle tritate , l’acqua e il succo d’arancia, la buccia dell’arancia, l’ammoniaca e il pisto.

  2. Impasta fino ad avere un impasto sodo. Aggiungi i canditi tagliati a pezzetti e le mandorle intere. Impasta.

  3. Crea delle ciambelle e mettile in una teglia leggermente imburrata. Spennella col tuorlo e il latte , sbattuti assieme.

  4. Inforna a 200°C per circa 15 minuti.

  5. Sforna e lascia raffreddare.

Per il pisto

  1. Mescola il mix ed è fatta! Conservalo in un barattolino ermetico in un posto fresco e asciutto.

Note

I roccocò si condervano in una scatola di latta e in un luogo non umido per 15 giorni.

roccocò

Mentre tu li gusti accompagnati magari da un tè nero alla cannella io penso alla prossima ricetta 🙂